Non cambiare per gli altri, mostra il tuo arcobaleno.

Spesso non ci si sente abbastanza, non ci si sente all’altezza di una data situazione, questo perché siamo costantemente bombardati di insicurezze, di persone che ci puntano il dito contro, di persone che vivendo nell’incertezza trovano confortante e stimolante giudicare l’altro.

C’è quello/a che ti dice che stai male con quel taglio di capelli, quello/a che ti dice che dovresti dimagrire quei 3/4 kg e quello/a che ti dice come dovresti vivere la tua vita.

Insomma, la gente deve “dare aria alla bocca” per poter stare bene.

Come si possono combattere queste persone? Vi posso rispondere dicendo: indifferenza e superiorità. Le migliori battaglie si vincono con l’astuzia, non di certo sfoggiando le armi più potenti.

La frase che può sembrare scontata: se non stai bene con te stesso, non puoi stare bene con gli altri, proprio scontata non è.  Se conosci te stesso, i tuoi obiettivi, i tuoi pregi e anche i tuoi difetti, se sei in grado di accettarti, di renderti conto di quanto vali, quanto gli altri hanno bisogno di te, nessuno potrà mai ostacolare il tuo cammino.

Non sto dicendo che è un percorso facile, sicuramente il primo passo è imparare a conoscersi, volersi bene, guardarsi allo specchio e pensare cosa posso fare oggi per me stesso?

Cambiare per gli altri è sinonimo di rassegnazione, di guardarsi dentro e vedere solo buio, di non riuscire a vedere oltre l’aspetto puramente oggettivo. Ogni persona è composta da una miriade di colori, colori che si manifestano in diversi momenti della nostra vita, colori di cui non eravamo a conoscenza e solo noi possiamo decidere in che modo mostrarli.

Siamo fatti di tante sfumature e chi ci accetta per come siamo vorrà scoprirle insieme a noi.

11 pensieri riguardo “Non cambiare per gli altri, mostra il tuo arcobaleno.

  1. Ciao. “…che ti dice che dovresti dimagrire quei 3/4 kg e quello/a che ti dice come dovresti vivere la tua vita….”. .”Darea ria alla bocca” per sparare giduzi e puntare il dito sui (prsunti )difetti degli altri è: vuoto di valori; indelicatezza; superficialità; invadenza – nel vero senso della parole, invadere senza permesso la sfera altrui. C’e un termine inglese che si usa da poco: “bofy shame” (“vergogna del corpo”) che e’ proprio far notare all’altro “i chili di troppo”, per esempio. “Mettere il dito nella piaga”- se di piaga si tratta -, e’ tipico della gente vuota, e che di vuoto vive. Si esaltano i difetti altrui, o presunti tali, e altri ne vengono attribuiti, e si sminuiscono i pregi.

    Sul “conoscere se’ stessi” c’è una antichissima frase – pensa che era una scritta nientemeno che in un tempio greco di Apollo, a Delfi,”conosci te stesso” (gnosti se-auton). Io aggiungo una cosetta: “conosci te stesso, e non averne vergogna, anzi siine fiero/fiera”. Ciao 🙂

    Piace a 1 persona

  2. Cambiare per gli altri? Assolutamente no. 😊 Io credo invece che bisogna prima accettare e capire se stessi in modo tale che possano farlo gli altri poi 😊

    "Mi piace"

  3. “La gente da buoni consigli sentendosi come Gesù nel tempio”, diceva una bellissima canzone. Non è facile indossare una corazza. Io stesso ho sofferto parecchio per certi giudizi. È andata molto meglio quando finalmente ho capito che criticano soprattutto coloro che hanno i loro bei problemi. Criticare te, fa sentire meglio loro. Non possiamo cambiarli, bisogna solo allontanarsi.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: